Programma di FILOSOFIA DEL DIRITTO

FILOSOFIA DEL DIRITTO

(A.A. 2017-2018)

Prof. Alessio Lo Giudice

 

Obiettivi formativi:

 

Il corso si propone di sviluppare e stimolare le capacità di comprensione e di analisi critica della genesi e delle modalità di costruzione e di funzionamento dell’ordine del discorso giuridico nella sua connessione con altri campi del sapere ad esso contigui (etico, politico ed economico). Una riflessione filosofica in merito agli sviluppi della struttura del diritto moderno trova diverse applicazioni sia all'interno dei processi interpretativi delle singole norme che nel quadro più generale del rapporto tra società e istituzioni, come ad esempio con riguardo al principio di legalità, alla tutela dei diritti fondamentali e al rapporto tra Stato di diritto e democrazia.

 

Prerequisiti:

 

Capacità di ascolto e di comprensione concettuale. Capacità di ragionamento con la necessaria predisposizione a cogliere i nessi e gli intrecci tra diversi campi del sapere.

 

Contenuti del corso:

 

L’insegnamento intende fornire gli strumenti per una comprensione critica dell’origine storico-concettuale e del significato filosofico di categorie e prassi giuridiche fondamentali. A partire da una generale riflessione sull’audacia culturale che contraddistingue la modernità alle sue origini, il corso propone uno studio tanto del concetto moderno di ordine giuridico e istituzionale quanto della crisi di tale concetto attraverso le distorsioni di senso che oggi subisce la forma politico-giuridica democratica. Tappe specifiche del percorso didattico saranno quelle relative ai concetti di soggetto e ordine nella modernità; alla teoria moderna del contratto e del legame sociale; alla sovranità dello Stato; alla teoria dello Stato di diritto e del costituzionalismo; al concetto di democrazia; alla crisi dello Stato democratico sociale nel contesto della globalizzazione; alle complesse dinamiche di legittimazione del potere nello spazio pubblico contemporaneo, alle principali teorie contemporanee del diritto e dell'argomentazione giuridica.

 

Metodi didattici:

 

Gli studenti frequentanti sostengono l’esame preparandosi su un programma parzialmente diverso da quello previsto per gli studenti non frequentanti. Tale programma comprende, oltre dei testi di riferimento, questioni e testi presentati e discussi a lezione, e resi disponibili sulla piattaforma e-learning. La frequenza delle lezioni comporta il coinvolgimento degli studenti in un percorso storico-concettuale basato, per ciascun anno, su una diversa chiave di lettura della modernità giuridica. Ciò implica anche che alla didattica tradizionale, integrata dall’utilizzo del programma PowerPoint, si assocerà la partecipazione attiva degli studenti in aula tramite presentazioni orali. Inoltre, la lettura in aula di testi integrativi, a supporto della preparazione, consentirà un continuo dialogo tra docente e studenti tramite gli stimoli alla discussione che verranno forniti.

 

Modalità di verifica dell’apprendimento:

 

Esame orale

 

Testi di riferimento:

 

Studenti non frequentanti

 

Esame unico di Filosofia del diritto (15 CFU). Per gli studenti iscritti al primo anno, l'esame unico può essere sostenuto soltanto a partire dall'appello di maggio 2018:

 

Programma:

 

A) A. LO GIUDICE, La democrazia infondata. Dal contratto sociale alla negoziazione degli interessi, Carocci, Roma 2012, pp. 166.

e

B) H. KELSEN, Lineamenti di dottrina pura del diritto, Einaudi, Torino 2011 (o ed. successive), pp. 46-148 (cap. I-VIII).

e

C) B. MONTANARI (a cura di), I luoghi della filosofia del diritto. Idee strutture mutamenti, Giappichelli, Torino 2012, pp. 372.

 

Per la prova parziale (esame di Filosofia del diritto I modulo - 9 CFU), sostenibile esclusivamente negli appelli di gennaio, febbraio 2018:

 

A) A. LO GIUDICE, La democrazia infondata. Dal contratto sociale alla negoziazione degli interessi, Carocci, Roma 2012, pp. 166.

e

B) B. MONTANARI (a cura di), Luoghi della filosofia del diritto. Idee strutture mutamenti, Giappichelli, Torino 2012, limitatamente ai saggi di G. Magrì (pp. 53-97), B. Montanari (pp. 171-207), S. Amato (pp. 211-232), G. Bombelli (pp. 23-273), A. Lo Giudice (pp. 275-311), A. Andronico (pp. 313-339).

 

Per la prova parziale (Esame di Filosofia del diritto II modulo - 6 CFU), sostenibile a partire dall'appello di maggio 2018 esclusivamente da chi ha superato l'esame relativo al primo modulo negli appelli di gennaio, febbraio 2018:

 

A) H. KELSEN, Lineamenti di dottrina pura del diritto, Einaudi, Torino 2011 (o ed. successive), pp. 46-148 (cap. I-VIII).

e

B) B. MONTANARI (a cura di), Luoghi della filosofia del diritto. Idee strutture mutamenti, Giappichelli, Torino 2012, limitatamente ai saggi di G. Siniscalchi (pp. 35-51), A. Incampo (pp. 99-115), A. Costanzo (pp. 117-144), M. Tallacchini (pp. 145-169), P. Heritier (pp. 341-372).

 

Studenti frequentanti

Il programma verrà illustrato dal docente a lezione.

 

Info e Contatti

Via A. De Gaspari 17 Priolo Gargallo SR

+39 0931767464 SEGRETERIA STUDENTI

+39 09311663731 AMMINISTRAZIONE

+39 0931768093 FAX

info@cumegaraibleo.it

Newsletter

Iscriviti alla NewsLetter del C.U.M.I.

Cerca